Hugo Boss nel trimestre perde un quarto dei ricavi (bene l’Ebit)

Hugo Boss nel trimestre perde un quarto dei ricavi (bene l'Ebit)

Nonostante abbia perso quasi un quarto dei ricavi, Hugo Boss è tornata a generare utili nel terzo trimestre 2020. Nella nota finanziaria di notizie positive ce ne sono. La società afferma che le vendite in Cina sono aumentate del 27%, mentre le entrate online sono cresciute del 66%. Il risultato è il frutto di un investimento: Hugo Boss ha lanciato l’e-commerce in 24 nuovi mercati tra giugno e agosto.

Un quarto dei ricavi

Il fatturato del gruppo tedesco nel terzo trimestre è stato di 533 milioni di euro, cioè il -24% su base annua (a cambi correnti il calo è del 26%). Il fatturato è rimasto sotto le attese degli analisti citati da Reuters, che avevano previsto 553 milioni di entrate. L’utile operativo (Ebit) di 15 milioni di euro è stato leggermente superiore al consenso. Per il l’ultimo trimestre dell’anno, Hugo Boss si concentrerà sui “driver strategici di crescita: online e Cina” si legge nella nota emessa dal Gruppo che evidenzia le ulteriori incertezze causate dalla seconda ondata di coronavirus.

 

 

Il commento

“Abbiamo fatto ulteriori progressi nella ripresa del nostro business – ha detto Yves Müller, portavoce del CdA di Hugo Boss –. Vogliamo tornare alla nostra precedente traiettoria di crescita”. Già prima che arrivasse la pandemia, Hugo Boss aveva spostato la sua attenzione verso stili più orientati allo sport e al casual. La società ha affermato che le vendite di abbigliamento casual sono diminuite intorno al 5% per Hugo, marchio rivolto ai consumatori più giovani. La tendenza casual sport è sancita anche dal fatto che il marchio Boss collaborerà con Russell Athletic per una capsule collection che punterà anche su scarpe e accessori. I prodotti saranno in vendita a marzo 2021. (mv)

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati