Salvatore Ferragamo nel primo trimestre 2019 cresce del 4,3%: finalmente

Ferragamo inverte la rotta. Dopo vendite in calo per dieci trimestri consecutivi, la griffe toscana batte (anche se di poco) le stime e archivia grazie alla Cina un quarter positivo. Nel periodo chiuso al 31 marzo, le vendite del gruppo Salvatore Ferragamo sono aumentate del 4,3% a 317 milioni di euro (gli analisti si aspettavano 315 milioni di vendite) mentre l’utile netto è salito del 23,5% a 11 milioni di euro. Tra le categorie di prodotto, a cambi costanti e su base annua, le calzature (fetta di oltre il 40% dei ricavi totali) hanno registrato il +7,3%, mentre la pelletteria (ulteriore quota del 40%) è cresciuta dell’8,7%. L’area Asia Pacifico si riconferma per Ferragamo il primo mercato (+7,2%): i negozi a gestione diretta in Cina hanno registrato un incremento delle vendite del 21,2%. Il trend di aprile per la società del lusso “è in linea con i primi mesi dell’anno”, ha spiegato il ceo Micaela Le Divelec nel corso della conference call. “Vorremo lavorare su un approccio più emozionale e coinvolgente” puntando anche “alla fedeltà che siamo capaci di creare nei nostri clienti” ha ribadito. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati