“Questo dazio non ci piace”: l’UE si farà sentire ad Ankara per il blocco all’export del wet-blue

Che diavolo di Unione Doganale è se uno dei Paesi contraenti assume politiche protezionistiche? La Commissione Europea è pronta a fare la voce grossa con Ankara. Non è piaciuto per niente, infatti, il blocco all’export di pelli wet-blue approvato a fine agosto dal governo turco. Il tema è stato il 20 ottobre al centro della riunione MAAC (Market Access Advisory Committee) della direzione generale Commercio della Commissione Europea, cui UNIC (Unione Nazionale Industria Conciaria) ha partecipato insieme a Cotance (la federazione delle associazioni nazionali della concia). Le istanze della concia hanno trovato sostegno non solo da Roma, ma anche dai rappresentanti di Portogallo, Spagna, Svezia e Bulgaria.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati