Luci e ombre per Danish Crown: bene la carne, Scan-Hide opaca

Luci e ombre per Danish Crown: bene la carne, Scan-Hide opaca

La carne corre, la pelle frena. Luci e ombre per Danish Crown, tra i maggiori player europei della filiera carne, ha presentato i dati dell’esercizio finanziario 2018/2019. Nel complesso, il bilancio è positivo, con una crescita di fatturato pari al 21%, per un totale di oltre 3,3 miliardi di euro. Non altrettanto si può dire, però, di Scan-Hide, società del gruppo specializzata in grezzo e pelle semilavorata.

Business sotto pressione
A questo proposito, il presidente Erik Bredholt ha spiegato che l’opacità di Scan-Hide è dovuta “a un calo di quasi il 50% del costo delle pelli”. Il CEO di Danish Crown, Jais Valeur, ha sottolineato, invece che “il business legato al manzo è sotto pressione. La causa è l’aumento della presenza di carne bovina sul mercato europeo. Qui si sono orientati anche i produttori irlandesi, cercando alternative in attesa degli esiti di Brexit “. In Europa, però, sono arrivate maggiori tonnellate di carne anche dagli USA e dal Sud America. Luci e ombre per Danish Crown, dunque, anche se il gruppo danese non si fascia la testa e sottolinea di essere “costantemente impegnato nel tentativo di aumentare le vendite di sottoprodotti al fine di utilizzare al meglio l’intero animale che finisce al macello”.

Immagine tratta da danishcrown.com

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati