Bologna, CRV piega Centergross: il rischio fallimento è alto

Bologna, CRV piega Centergross: il rischio fallimento è alto

CRV piega Centergross: “Il fallimento della maggior parte delle nostre aziende è alle porte”. Piero Scandellari non fa giri di parole. Il presidente del Centergross di Bologna va dritto al punto. Avvisa che il gioiello del fashion da 1.000 metri quadri, 400 aziende per 5 miliardi di euro di fatturato, rischia di sparire. L’unico modo per evitare il tracollo è un intervento immediato del governo.

CRV piega Centergross

Scandellari ha parlato dei suoi timori a Italia Oggi. “Questa eccellenza del made in Italy sta crollando, il nostro è un SOS” spiega. Le richieste al Governo sono chiare. Servono liquidità, prestiti a interessi zero e rimborsabili dopo il superamento dell’emergenza, cassa integrazione. La possibilità per non mandare tutto all’aria c’è. “Non vanno aiutate solo le aziende, anche i fornitori, gli artigiani di eccellenza – continua – che sono fondamentali per la qualità dei prodotti, e i negozi che assicurano la distribuzione delle collezioni”.

Ordini ritirati

Un gruppo di aziende di Centergross, polo che raccoglie imprese del fashion, del food e dei servizi, ha partecipato a Premier Moscow lo scorso febbraio. Avevano raccolto molti ordini da clienti dell’Europa dell’Est. Ma ora sono fermi. Le 400 aziende del fashion del polo lavorano per il 70% con l’export. Soprattutto con Asia e Medio Oriente. (art)

 

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati