Pellicceria: a TheOneMilano i detentori canadesi di NAFA lanciano un progetto di tracciabilità a 360 gradi

Nell’anno di nascita del grande polo per il prêt-à-porter d’alta gamma creato da Mifur e Mipap, North American Fur Auctions (NAFA) lancia una campagna per sottolineare il suo impegno nella filiera della moda sostenibile. La casa d’aste di pelli nordamericane, la cui fondazione risale addirittura al 1670, sta promuovendo durante TheOneMilano (in corso fino a lunedì a Fieramilanocity) il progetto di tracciabilità avviato già da qualche tempo e destinato a raggiungere il suo pieno compimento nel 2020. La campagna di comunicazione viene veicolata attraverso un video su YouTube e una serie di fotografie, diffusi in occasione delle più importanti iniziative legate al settore della moda. NAFA, che fornisce pellicce e pelli da allevamento e selvatiche certificate, ha infatti messo in campo un programma sulla tracciabilità che fra poco meno di tre anni dovrebbe consentire di rendere ricostruibile il percorso di ogni prodotto per il consumatore finale, dall’asta alla sua lavorazione, grazie a  tecnologie informatiche. Filmato e scatti fotografici sono ambientati in Quebec, regione del Canada dove la società ha sede, e sono stati realizzati da Roaming Focus Productions. Al centro dell’obiettivo sono finiti alcuni look autunno-inverno 2017/2018 proposti da marchi come Oscar de la Renta, Michael Kors, Gianfranco Ferré Furs di Mondialpelli, Braschi ed Ego.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati