I saldi in Italia? Partiti bene, finiti presto. Il retail avverte: “Nel weekend il 45% del fatturato: il Governo non faccia scherzi”

Il primo verdetto è che il weekend è il momento elettivo per lo shopping: quindi è meglio che il governo accantoni la proposta di imporre a tutti la chiusura domenicale. Il secondo verdetto è che 60 giorni di programmazione sono troppi: la parabola dei consumi dimostra che in Italia gli opportunisti della scontistica approfittano dei saldi nella prima settimana, per poi affievolire la spesa in quelle successive. È il bilancio che le associazioni di categoria fanno dei saldi invernali 2019, ancora in corso. “Lo scontrino medio è di 108 euro: un valore abbastanza elevato – commenta con il Sole 24 Ore Renato Borghi, presidente di Federmoda Confcommercio –. Segno che le famiglie aspettano i saldi per le spese di maggior importo. Vuol dire che a Natale si comprano gli accessori, soprattutto come regalo, con i saldi si approfitta per gli acquisti di maggior peso”. Ancora con il Sole Mario Resca, presidente di Confimprese, analizza come gli italiani calendarizzino il proprio shopping: “Come previsto i saldi di gennaio sono una delusione – nota –, salvo i primi 4 giorni, con il weekend del 5 e 6 gennaio, che hanno fatto registrare una crescita del 6,3%. Ma la seconda e terza settimana con calo nell’ordine del 4%, con alcuni settori, come abbigliamento e accessori, del 10%”. Se il trend suggerisce la necessità di abbreviare il periodo di saldi, in modo da avvicinarli a tendenze di consumo rapido come il Black Friday, Resca osserva anche come nel weekend si facciano “il 51,6% delle compere”, al punto che per il retail vale il “45% del bilancio settimanale”. L’idea del ritorno alla chiusura domenicale, allora, rappresenta “uno scenario anacronistico”, sentenzia il presidente di Confimprese.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati