Ok al salvataggio di PittaRosso e alla fusione con Scarpe&Scarpe

Ok al salvataggio di PittaRosso e alla fusione con Scarpe&Scarpe

Arriva l’ok del Tribunale di Padova al piano di salvataggio di PittaRosso che RSCT Fund ha proposto lo scorso autunno ai creditori della catena retail. Il decreto di omologa del concordato preventivo è, di fatto, l’approvazione del progetto di fusione con Scarpe&Scarpe, di cui la stessa RSCT è azionista di maggioranza da gennaio 2022. Nasce così un polo della distribuzione delle calzature di volume da 2.700 dipendenti e oltre mezzo miliardo di ricavi.

Il salvataggio di PittaRosso

Come racconta la Repubblica, RSCT è chiamato a operare un aumento di capitale in seguito al quale sarà azionista di controllo di PittaRosso, mentre Lion Capital sarò ridotto a una quota di minoranza. RSCT fa capo a un fondo irlandese ed è coadiuvato nell’operazione da Pillarstone. Mentre il 93% dei creditori ha già approvato il concordato preventivo per PittaRosso, la nuova proprietà assicura il mantenimento dei livelli occupazionali e investimenti su 630 negozi.

 

Ok al salvataggio di PittaRosso e alla fusione con Scarpe&ScarpeOk al salvataggio di PittaRosso e alla fusione con Scarpe&Scarpe

 

Il polo della calzatura economica

La fusione tra PittaRosso e Scarpe&Scarpe offre più di un vantaggio alle due insegne: “Sinergie sui costi, sulla logistica, sugli acquisti – scrive Repubblica – e sul magazzino”. Nel piano di rilancio, oltre alla ristrutturazione dei negozi, c’è anche l’ampliamento dell’offerta merceologica: al tradizionale focus sulle calzature si aggiunge quello sugli accessori.

Foto dal web

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×