Basckedice, la scarpa nata sul web che ha conquistato Milano

Basckedice, la scarpa nata sul web che ha conquistato Milano

Nel mercato della moda, per quanto difficile, voci non solo fuori dal coro, per fortuna, non mancano. È il caso di Basckedice, la scarpa nata sul web con l’e-commerce sei anni fa che da tre ha aperto un punto vendita in Foro Bonaparte a Milano. Ora, la realtà della calzatura artigianale made in Italy, dopo aver lanciato la scorsa stagione anche la collezione Donna, punta ad una seconda apertura in città. In seguito anche all’estero.

Matteo e Nicole: la nostra è una generazione smart

Basckedice è una società nata dalla mente di Matteo Pellegrini (32 anni) e Nicole Beretta (29), lui un’esperienza commerciale nel calzaturiero, lei la scuola NABA alle spalle e poi la moda (Sisley). I due decidono di lanciare una collezione Uomo di calzature in pelle e offrono il servizio di tattoo “che funziona esattamente come quello praticato sulla pelle umana, con l’accortezza di non sporcare la tomaia e di non poter dunque utilizzare sostanze per ammorbidire l’inchiostro”, spiegano. Un lavoro non semplice, che però risulta vincente: in poco tempo c’è chi oltre alle classiche iniziali sul tallone chiede cuori, frasi, nonché veri e propri disegni: un cliente si fa tatuare uno scarabeo.

Step by step

Matteo ha studiato a fondo la calzatura e si affida ai laboratori artigianali delle Marche e a quelli della campana Arzano. Ha imparato in prima persona a tingere a mano e si rivolge agli astisti per i tatuaggi più complessi: “Non siamo i primi, l’idea è stata di Berluti, con un target completamente diverso, però – dice Matteo –. Siamo partiti senza grossi investimenti, ma con la convinzione che avremmo potuto farcela. Noi giovani abbiamo un vantaggio sulla generazione precedente: siamo smart, possiamo svolgere da soli operazioni che i meno giovani devono delegare. La differenza sta nel fatto che se prima avevi vent’anni per conquistarti un nome, oggi devi esplodere subito”.

La scarpa nata sul web

Abbiamo cominciato con un prestito delle nostre famiglie, il resto è frutto dell’impegno e della costanza. Mai darsi per vinti: Milano è la migliore città per chi vuole fare impresa e poi c’è il web (oggi rappresenta il 20%, ndr) che è stato determinante per farsi conoscere”. Il turn over commerciale? “Non per chi investe in pubblicità e individua il giusto target – risponde –: le nostre scarpe hanno un prezzo compreso tra 139 e 179 euro; 80 modelli destinati ad aumentare”. Basckedice ha in cantiere per la prossima stagione una sneaker rivoluzionaria. Non solo, “all’orizzonte ci sono collaborazioni – aggiunge Matteo –. In negozio abbiamo anche piccola pelletteria: cinture e bretelle. Le cifre sulle scarpe sono pronte in un giorno, con un sovrapprezzo ridicolo”. I clienti? “Milanesi, certo, ma tanti turisti: cinesi in testa, americani, russi; tutti innamorati del tattoo”.

Foto da Baskedice

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati