Peter Kaiser mette in sicurezza l’azienda e si riorganizza

Peter Kaiser mette in sicurezza l’azienda e si riorganizza

Peter Kaiser mette in sicurezza l’azienda. Il calzaturificio tedesco ha presentato al Tribunale distrettuale di Pirmasens la richiesta per essere protetto dai creditori. La società Peter Kaiser Retail (che si occupa della vendita delle calzature nei negozi fisici e online) e la fabbrica di Felgueiras (Portogallo) non sono coinvolte nella domanda.

Peter Kaiser mette in sicurezza l’azienda

Il produttore calzaturiero tedesco (scarpe e accessori da donna di fascia alta), attribuisce questa decisione al calo delle vendite innescato dal lockdown. “Siamo molto dispiaciuti di dover fare questo passo difficile”, afferma Stefan Frank, amministratore delegato Peter Kaiser su SchuhMarkt. “Anche dopo il lockdown, le vendite al dettaglio hanno recuperato solo parzialmente”.

 

 

La legge tedesca

In base alla legge tedesca, quando le aziende hanno problemi economici e/o finanziari, ma agiscono tempestivamente con la concreta possibilità di trovare una soluzione, possono chiedere la procedura di autogestione. Le imprese possono così riorganizzarsi in stretto coordinamento con i creditori. Mentre le operazioni commerciali proseguono regolarmente. Nel caso dell’autogestione, il tribunale non nomina un curatore fallimentare ma un amministratore che controlla la procedura nell’interesse dei creditori.

Attività commerciali regolari

“Le attività commerciali di Peter Kaiser continueranno regolarmente nonostante siano stati avviati i procedimenti legali per la ristrutturazione. Il nostro obiettivo è riorganizzare l’azienda“, spiegano i curatori del procedimento a Fashion United. “È realistico ristrutturare l’azienda e renderla di nuovo stabile a lungo termine”. (mv)

Immagine tratta da peter-kaiser.de

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati