Un’occhiata ai conti: Dr. Martens e Clarks sono in difficoltà

Un’occhiata ai conti: Dr. Martens e Clarks sono in difficoltà

I marchi UK di moda sono in difficoltà. Dopo Burberry, anche i due più conosciuti brand calzaturieri britannici, Dr Martens e Clarks sono in affanno. Soprattutto nella propria capacità di generare utili. Entrambi i marchi sono alle prese con una rivoluzione del management per cercare di risalire la china. In particolare nel mercato USA. Preparano piani strategici per raggiungere questo obiettivo, ma le difficoltà non mancano.

Dr. Martens in difficoltà

Dr. Martens ha lanciato un piano per contenere i costi e riportare l’azienda nella traiettoria di crescita tra due esercizi. I risparmi ottenuti da una maggiore efficienza organizzativa, da migliori approvvigionamenti e razionalizzazione operativa rientreranno nella forbice tra 20 e 25 milioni di sterline. Ma mentre questo piano andrà in vigore, l’azienda prevede che i ricavi per l’esercizio 2025, considerato un anno di transizione, scenderanno del 20%. Lo scrive Footwear News. Nell’anno fiscale 2024, chiuso a fine marzo, l’azienda calzaturiera britannica ha riportato una riduzione dei ricavi del 12,3% a 877,1 milioni di sterline. L’utile netto è stato di 69,2 milioni di sterline, contro i 128,9 milioni dell’anno precedente. Numeri che riflettono la continua debolezza della domanda dei consumatori statunitensi. Di recente la società ha dovuto affrontare le dimissioni del CEO Kenny Wilson, la debole performance negli Stati Uniti e le pressioni di un investitore attivista.

 

Un’occhiata ai conti: Dr. Martens e Clarks sono in difficoltàUn’occhiata ai conti: Dr. Martens e Clarks sono in difficoltà

 

E pure Clarks

Non va meglio al marchio Clarks. La società madre, C&J Clark Limited, ha presentato i conti per il 2023, chiuso con una perdita netta di 32,1 milioni di sterline, rispetto all’utile netto di 22,4 milioni del 2022. Ciò, malgrado l’azienda abbia aumentato i ricavi nel 2023 da 980,3 a 994,5 milioni di sterline. La società ha attribuito gran parte della perdita a costi una tantum, in particolare a svalutazioni di beni dei negozi. Ha citato anche un “mercato promozionale” e un “consumatore affamato di sconti” che esercitano pressioni sui prezzi di vendita. Lo riporta MargetingWeek. Così come da Dr Martens, anche Clarks ha visto le dimissioni del CEO Jonathan Ran, seguite da altre due partenze importanti: il CEO di Clarks UK Bob Neville e il chief product officer Victoria Jones. (mv)

Foto da Facebook di Clarks

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×