Chimica e acqua: UNIC con ZDHC racconta ai brand l’impegno sostenibile delle concerie italiane

Non si è ancora arrivati ai risultati finali della campagna di analisi del progetto pilota sulle acque di scarico delle concerie italiane. Ma alla platea di circa 300 tra imprenditori e manager accorsi il primo febbraio al Campus Bovisa del Politecnico di Milano per la seconda sessione di “Enhancing Chemical Management. A Supply Chain Shared Goal”, UNIC – Concerie Italiane ha potuto raccontare i primi, positivi, riscontri del percorso intrapreso con ZDHC. L’evento è promosso da gruppi del lusso come Burberry, Hugo Boss, Kering e (tra gli altri) LVMH, con Politecnico Milano, ZDHC e 4sustainability. Se l’obiettivo condiviso dall’intera filiera è ridurre l’impiego di famiglie di sostanze considerate pericolose, le rilevazioni di UNIC – Concerie Italiane confermano che, già ora, la loro concentrazione nelle acque di scarico delle imprese italiane è bassa, mentre in nessun caso si sono trovati nei reflui di una sola azienda tutte le famiglie poste sotto attenzione. L’obiettivo, ora, è definire quali siano i limiti di concentrazione accettabili per la concia, diversi, per la peculiarità del settore, da quelli accettabili per il tessile.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati