Lanxess ritocca ancora i prezzi: il bicromato di sodio costa il 20% in più

Lanxess comunica l’aumento del 20% del prezzo del bicromato di sodio. La misura, che ha effetto immediato, è dovuta, stando al comunicato della multinazionale della chimica, all’aumento dei costi operativi e alla necessità di rifinanziare gli investimenti negli asset. Il bicromato di sodio è il minerale da cui si ricavano i prodotti a base di cromo, soprattutto i sali di cromo per la concia che Lanxess commercializza in tutto il mondo. Non è il primo aumento che il gruppo della chimica applica ai prodotti a base cromo: a fine novembre 2016 era già stato ritoccato il listino all’insù del 20%, cui era seguito un ulteriore +10% nel marzo scorso. Intervistato sul n. 9 de La Conceria, Mario Garrone (Regional Head of Marketing and Sales Business Unit Leather per i Paesi EMEA) spiegava: “Gli aumenti sono legati all’andamento dei prezzi della cromite, il cui indice è raddoppiato nell’ultimo anno”. Come mai? A causa “della significativa ripresa della domanda di acciaio e di prodotto a base cromo da parte del settore costruzioni, a livello globale ma soprattutto in Far East”.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati