Numero 09

0

SCOPRI
I CONTENUTI
DELL’ULTIMO
NUMERO

Abbonati per visualizzare la rivista completa!

Se sei già abbonato, esegui il login adesso

scarica la versione demo

visualizza la versione demo

COVER STORY | RISORSA, CONDANNA
L’utile provocazione
“Il made in Italy è un alibi per essere più pigri”, dice l’ex Poltrona Frau Giuliano Mosconi. Servono più originalità, rinnovamento, comunicazione. Vero o falso? Il dibattito è aperto e ogni (vostro) intervento è gradito.
Il Made in Italy, secondo noi
La parola a Cesare Martinoli (Caimar), Giuseppe Baiardo (Cdivertiamo), Gimmi Baldinini (Baldinini), Andrea Montelpare (Andrea Montelpare), Franco Baccani (B&G), Andrea Calistri (Sapaf).
Simbolico, equivoco
Si fa presto a dire made in Italy: “Un’evocazione che ognuno declina a proprio vantaggio”. L’heritage non ci faccia sedere sugli allori, la chiave del successo è “l’innovazione”. Anche per gli artigiani. Intervista a Giuseppe Berta, storico dell’industria (Bocconi).
GLI ALTRI SERVIZI
Corsa all’e-Cina
Il mercato del lusso a Pechino riprende a crescere. L’e-commerce è decisivo. Le griffe si impegnano nella comunicazione. Ma che ritardo sulla cross-canalità.
Questa border tax non s’ha da fare
Nell’agenda del governo Trump ci sono le tasse all’import. Per il made in Italy una batosta da oltre 300 milioni di euro. Il nostro fashion system minimizza, la politica USA si spacca sulla loro utilità. Intanto (a Londra e NY) le Borse esultano.
The best in leather
Con quelle di Parigi (dal 28 febbraio al 7 marzo) si è concluso il giro del mondo delle sfilate dedicate alle collezioni autunno/inverno 2017/2018. Una chiusura in bellezza per la pelle, riconosciuta come segno distintivo di eccellenza e ribadita come elemento centrale nei défilé “più blasonati”. Per distinguersi dal fast-fashion e dimostrare la propria unicità, le griffe hanno imposto con decisione e concretezza i propri valori. Come? Attraverso la scelta di materiali di alta qualità, preziosissimi..
Artigianalità high tech
L’estivo 2018 combina la qualità creativa dell’hand made con le soluzioni tecnologiche più avanzate. Lineapelle esalta (ancora una volta) la naturalità dei pellami, ma la interpreta, la valorizza e colora di un tono nuovo e stimolante.
Il tempo della tecnologia matura
L’impiantistica per l’area pelle ai tempi dell’industria 4.0. Gli espositori di Simac Tanning Tech propongono novità che abbinano al concetto di “risparmio a 360 gradi” quello di massima flessibilità, efficienza e personalizzazione. Del processo e del prodotto.
Il lusso cresce anche a febbraio
A gennaio la crescita è stata del 3,8%. A febbraio, per il quinto mese consecutivo, il lusso ha migliorato ancora il suo trend. L’intensità della crescita è minore, ma si inserisce in un percorso di evidente e generalizzato consolidamento dei risultati finanziari delle griffe: +1,3%. La fonte è il Savigny Luxury Index, autorevole termometro della salute di un segmento che oggi affronta un profondo cambiamento.
Il prezzo della chimica
5 domande a Mario Garrone, Regional Head of Marketing and Sales Business Unit Leather Lanxess per i Paesi EMEA. I prodotti a base cromo? Potrebbero aumentare ancora. Ma anche le materie prime per umido e rifinizione sono sotto pressione. Il 2017? Iniziato sotto una buona stella.

Il caso della settimana – La Francia e le acquisizioni
Attualità – Lineapelle Parigi  |  Alternanza e formazione  |  Agenda fieristica
Numbers – La Cina che costa troppo, l’Indonesia che tassa di meno
(infografica)
Ipse dixit – La Russia? Il passato non ternerà più
Pop Up – E Obama si rimise il giubbotto (in pelle)
Yesterday is Here – Tratto da LaConceria del 12 marzo 1954
Punto di domanda – Vittoria?
Bis australiano – Dopo Kidman, Aroona
Tra le righe – A Buenos Aires la filiera piange e non regge le liberalizzazioni di Macrì
Ricerca e dintorni – ZDHC e il problema delle acque di scarico

 

 

 

 

 

 

 

 

Share.

Comments are closed.

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso