Burberry, passo avanti verso la sostenibilità grazie alla concia italiana

Nell’anno fiscale 2018/2019, il gruppo Burberry ha acquistato il 49% delle pelli da concerie dotate di certificazioni ambientali, sociali e di tracciabilità. Il risultato rappresenta un passo avanti del +1% rispetto all’anno precedente e, come riconosce lo stesso gruppo britannico del lusso nell’Annual Report pubblicato il 5 giugno, è stato ottenuto in virtù della collaborazione gomito a gomito con le concerie italiane sui progetti di tracciabilità. L’obiettivo di Burberry è arrivare al 100% di forniture da concerie certificate entro il 2022: cotone, cashmere e pelle valgono il 30% delle emissioni di gas serra del gruppo.
Un anno al lavoro
Il gruppo inglese guidato da Marco Gobbetti, oltre che sulla certificazione, mantiene i riflettori puntati anche sul tema dell’efficientamento dei consumi chimici della filiera produttiva. In questo senso, allora, Burberry può vantare anche i risultati ottenuti dalla collaborazione con ZDHC, progetto in cui è coinvolto anche UNIC – Concerie Italiane, culminato con l’evento al Politecnico di Milano che ha coinvolto oltre 250 operatori del fashion system.
Il valore della pelle
Pelle e sostenibilità sono al centro delle strategie di Burberry. Al punto che uno dei principali impegni produttivi del gruppo inglese è stata la costituzione in Italia di Burberry Manifatture (investimento da 21 milioni di sterline complessivi). Mentre sono andati avanti i progetti nel senso del riciclo e riutilizzo: mentre dal 2017 la partnership con Elvis & Kresse ha permesso di dare nuova vita a 3,7 tonnellate di ritagli, nell’ultimo “abbiamo gestito – si legge nel report – circa 20.000 riparazioni e richieste di parti di ricambio per prodotti che vanno dai benamati articoli in pelle agli accessori vintage”.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati