Otto mesi di fatiche pakistane: crolla l’export di pelli (-21,7%), soffre la pelletteria. Positiva la calzatura (+14,5%)

Le esportazioni di pelli e pelletteria pakistane non smettono di calare. A sancirlo sono i più recenti dati resi noti dal Federal Bureau of Statistics del Paese asiatico relativi agli ultimi 8 mesi dell’anno finanziario. Tra luglio 2018 e febbraio 2019 le esportazioni di “pellame e prodotti finiti realizzati in pelle” hanno generato un giro d’affari di 573 milioni di dollari, vale a dire il 9,7% in meno su base annua. Entrando nel dettaglio, in contrazione sono i dati sull’export relativo alle pelli (-21,7%) e agli accessori di pelletteria (-7,3%). Solo la calzatura in pelle è in positivo: +14,5%. Nel frattempo, continua la roadmap per giungere alla consegna del nuovo parco industriale di Sialkot, distretto esteso su 392 acri che si candida a ospitare tutte le 276 concerie diffuse nei 10 cluster della zona.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati