Rosati (Conceria F.lli Rosati): “Come torneremo alla normalità?”

Rosati (Conceria F.lli Rosati): "Come torneremo alla normalità?"

Fase 1, fase 2. Il lockdown finirà e la filiera della moda riparte alla ricerca di nuovi equilibri. Ma Paolo Rosati, della Conceria F.lli Rosati, si pone una domanda cui ancora oggi è difficile rispondere. Qual è il segno che il Coronavirus lascerà nella psicologia di massa? “La gente ha paura – osserva –. Ha paura di vivere, di incontrarsi”. Come, dunque, torneremo alla normalità, “a uscire e viaggiare, ad entrare in un negozio?”.

Come Cambieremo

Per il mese di aprile La Conceria ha deciso di raccontare un periodo speciale, come quello della pandemia da Covid-19 e del lockdown, con un numero speciale. Quando sugli equilibri che raggiungerà il mondo una volta superata l’emergenza ci si deve ancora fermare al campo delle ipotesi, abbiamo deciso di interrogare i protagonisti del fashion business per scoprire la loro visione. Al dibattito partecipano conciatori, calzaturieri, pellettieri, analisti, designer e studiosi.

Le domande della Conceria F.lli Rosati

La filiera della pelle si trova in un angolo, per così dire. Perché “riforniamo la moda – continua Rosati –. Facciamo un lavoro voluttuario, non di prima necessità”. È ancora più complesso capire quali saranno i riflessi nel micro-cosmo del fashion. L’imprenditore toscano non cerca fughe in avanti. Vuole prima capire: “Per ora sono spettatore di quello che sta succedendo”. Difficile anche solo ipotizzare, quindi, come torneremo alla normalità.

Per leggere l’intervento completo di Rosati clicca qui

Se non sei abbonato, qui puoi scoprire tutte le formule di sottoscrizione

 

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati