Il caso francese delle Birkin fake: tutti condannati gli ex Hermès

Il caso francese delle Birkin fake: tutti condannati gli ex Hermès

Mano pesante del tribunale di Parigi contro i 10 imputati (tra cui 7 ex dipendenti Hermès) accusati di aver prodotto e venduto false borse Birkin tra il 2013 e il 2014. Sono stati tutti condannati. I loro legali hanno già annunciato che presenteranno appello.

Tutti condannati

Giovedì 24 settembre 2020 è arrivata la sentenza del Tribunale di Parigi sul processo svoltosi a giugno contro la banda che produceva e vendeva false Birkin. La pena più alta è quella decisa per un imputato residente in Vietnam. È considerato il leader dell’organizzazione: condanna in contumacia a 3 anni di reclusione e 200.000 euro di multa. Sull’uomo grava anche un mandato di arresto. Un altro co-leader della banda è stato condannato a 3 anni, di cui 2 sospesi, 1 da scontare agli arresti domiciliari e una multa di 100.000 euro.

580.000 euro di danni

Trenta mesi di reclusione (di cui 20 con la sospensiva e 10 agli arresti domiciliari) per la donna che vendeva le borse taroccate. Per gli altri 7 imputati, il tribunale ha emesso pene sospese e multe. Alcuni di loro sono stati, inoltre, intimati a versare congiuntamente circa 580.000 euro per danni morali e materiali ad Hermès, che aveva richiesto 2 milioni di euro di risarcimento. (mv)

 

 

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati