A New Point of View rompe gli indugi: l’avvio promette bene

A New Point of View rompe gli indugi: l’avvio promette bene

La prima sensazione è quella che conta. E la riassume, in pochissime parole, Viola Dalle Mese (Conceria Montebello): “Noi ci siamo, i visitatori ci sono”. Lineapelle – A New Point of View rompe gli indugi e, nel suo primo giorno, sorprende per il modo promettente con cui i buyer hanno visitato padiglioni, stand e (finalmente) toccato con mano pelli e materiali esposti. Così, a metà di un primo giorno di fiera in cui si registra anche il passaggio del leader della Lega Matteo Salvini, le parole di Stefano Giannotti (Conceria Incas) raccontano alla perfezione il mood che si sta respirando nei padiglioni 5 e 7 di Fieramilano Rho: “Ha avuto torto chi non c’è”.

L’avvio promette bene

“Essere in fiera, oggi, è un atto di coraggio”. E di “eroismo”. Lo dice Matteo Salvini percorrendo i corridoi di A New Point Of View. Un atto ben ripagato, dato il movimento che nelle prime ore si è palesato in fiera. “Un inizio promettente – continua Giannotti – e un movimento che, onestamente, è migliore di quanto ci aspettavamo di vedere. I visitatori ci sono, si muovono e, perlomeno, dimostrano voglia di pelle”. Viola Dalle Mese conferma: “Sono arrivati dimostrando una grande volontà e necessità di tornare a toccare fisicamente la pelle e di relazionarsi con noi. Per cui, sì, c’è movimento e ce n’è più di quanto pensassimo”. Il che è rassicurante e promettente: “Indubbiamente – conclude Viola Dalle Mese -. Cercano, tutti, servizio e qualità”.

 

 

Senso di responsabilità

Quel che emerge, dunque, dal primo passaggio negli stand di A New Point Of View è la percezione del “senso di responsabilità – come ci dicono da una conceria veneta – di essere qui a esporre”. Significa, spiegano da Gruppo Mastrotto, “che ci crediamo, che è importante essere vicini al cliente”. Un segno, dunque, di grande vitalità, confermato anche da Matteo Salvini che, in più, ha ribadito l’importanza dell’impegno del settore conciario, in particolare sotto il profilo della sostenibilità e della circolarità. E anche della legge di tutela della terminologia conciaria che entrerà in vigore il 24 ottobre 2020, sottolineando la necessità di sostenerla a livello europeo.

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati