IED porta gli studenti alla scoperta del distretto di Solofra

IED porta gli studenti alla scoperta del distretto di Solofra

IED porta gli studenti alla scoperta del distretto di Solofra. L’obiettivo: introdurre futuri designer nell’universo della pelle. È successo il 19 novembre allo IED di Firenze (Istituto Europeo di Design), dove imprenditori campani hanno presentato il proprio prodotto e il proprio know how nell’ambito del progetto rivolto agli studenti dell’ultimo anno del corso in Design della Moda indirizzo Fashion Design Accessorio.

IED alla scoperta di Solofra

Promuovono l’iniziativa Michele Gallucci, AD di A.M2 Leather, e Andrea Nardi, Fashion Area Coordinator di IED Firenze. Sono coinvolti due tra i più importanti player del distretto campano: Conceria Effegi e Conceria Deviconcia, entrambe tra i principali fornitori di pellame ovicaprino ai brand del lusso. Il progetto prevede un percorso che porterà i ragazzi a visitare le concerie, scoprire come si sviluppa il processo di lavorazione della pelle, fino alla selezione del pellame per ideare e realizzare una collezione di accessori. Il risultato finale diventerà l’oggetto della tesi degli studenti.

Capsule collection ispirate alle griffe

Il progetto prevede la creazione di una capsule collection di 20 pezzi (accessori a scelta tra pelletteria e calzatura), di cui 6 realizzati, utilizzando gli strumenti, il know-how e i pellami messi a disposizione dalle imprese partner. Ogni studente svilupperà la propria collezione come proposta per una delle aziende top del settore moda suggerite dalle concerie stesse. I progetti dovranno tener conto delle necessità dei mercati internazionali ed avere come concetto cardine la sostenibilità.

Verso la Fashion Graduate Week

La collezione ideata dai ragazzi potrà essere interpretata come capsule, stagionale o legata ad un evento. In alternativa, può essere sviluppata come estensione della gamma esistente dell’azienda selezionata. In entrambi casi, l’obiettivo è esporre in fiere internazionali, fashion week o vetrine. Ciascun studente dovrà inoltre realizzare una strategia di comunicazione per promuovere la propria capsule, con relativo materiale grafico. Una volta concluso il progetto, i lavori realizzati saranno esposti in occasione della Fashion Graduate Week di Milano.

Il distretto serve alla formazione

“La richiesta delle aziende moda è una formazione tecnica e specifica, mentre i ragazzi inseguono il sogno di diventare stilisti – spiega Andrea Nardi, Fashion Area Coordinator di IED Firenze – . Il nostro ruolo è far capire loro che alla moda servono tecnici e che, prima di arrivare al prodotto finito, ci sono tantissimi passaggi da fare. Per questo motivo vogliamo coinvolgere i distretti produttivi nella nostra formazione, ed è per questo che abbiamo deciso di portare avanti questo progetto insieme alle concerie. È indispensabile che i futuri designer sappiano cosa c’è alla base del settore. L’allure della moda è bella, ma è vuota se non si sa cosa c’è dietro”. (mvg)

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati