Mipel e Lineapelle lanciano It Lab, club del sourcing pellettiero

Mipel e Lineapelle lanciano It Lab, club del sourcing pellettiero

L’unione fa la forza. In questo caso, l’unione fa la filiera. Mipel e Lineapelle lanciano It Lab, club del sourcing pellettiero. Si tratta di un nuovo progetto espositivo presentato ieri a Fieramilano Rho. Partirà il prossimo settembre e si svolgerà all’interno di Lineapelle, in calendario dal 23 al 25.

Un club di aziende
“It Lab si configura come un club di aziende specializzate in pelletteria – spiega Franco Gabbrielli, presidente Assopellettieri – e che producono essenzialmente per grandi brand. It Lab raccoglie l’esigenza reale della filiera di unire le forze. Sarà la punta dell’iceberg di una serie di attività worldwide. Lo stiamo studiando per fare in modo che queste aziende possano prendere contatto con clienti di alto livello, ma anche di fascia premium”.

Un club selezionato
“Le aziende che abbiamo sensibilizzato al progetto – continua Gabbrielli – hanno risposto con grande interesse. Il club di It Lab dovrà essere formato da un gruppo selezionato di produttori. Saranno aziende molto belle che però non hanno la possibilità di promuoversi in modo adeguato, ma per essere presenti dovranno offrire precise garanzie”.

La collaborazione con Lineapelle
Dice Gabbrielli che sviluppare It Lab, “Lineapelle ci ha dato una opportunità. Tutto questo può accadere proprio grazie a Lineapelle. Non l’avremmo nemmeno pensato senza Lineapelle”. Unione d’intenti e sinergia fieristica che Fulvia Bacchi, CEO di Lineapelle, sottolinea spiegando che “Lineapelle ha aderito fin da subito al progetto It Lab. E sarà a fianco di Mipel per tutto quello che riguarda l’organizzazione, la logistica e l’aspetto promozionale. Circa il 40/41% dei visitatori e delle aziende visitatrici di Lineapelle, del resto, sono provenienti dal settore della pelletteria. Ringraziamo Mipel per questa opportunità che permette a Lineapelle di arricchirsi di un altro segmento accentuando la sua centralità per tutta l’area pelle mondiale”.

Non chiamateli terzisti
Il club di It Lab, nelle intenzioni di Mipel, diventa così il punto di riferimento del sourcing. In altre parole, di quelli che un tempo si chiamavano terzisti. “Oggi, invece, sono molto di più – commenta Gabbrielli a cui fa eco Danny D’Alessandro, general manager Assopellettieri -. Sono esponenti di un settore che unisce alta artigianalita e tecnologia. Un mondo che, però, spesso lavora con troppo pochi clienti. Molte di queste aziende lavorano con uno/due grossi clienti, con un rischio d’impresa molto alto. It Lab doventa così un momento in cui grandi brand e piccoli designer possono trovare chi gli produce campionari e collezioni. Del resto, il mercato va in una direzione precisa: la richiesta di produzione per i brand”.

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati