Gucci oltre i temporary store, l’acquisto è una mappa interattiva

Gucci oltre i temporary store, l'acquisto è una mappa interattiva

Gucci oltre il temporary store. E prova a sperimentare nuove modalità di vendita, utili per far crescere i bilanci. La strategia del direttore creativo Alessandro Michele è semplice, ma visionaria allo stesso tempo. Aprire spazi di condivisione di esperienze formato lusso 4.0 nei Paesi dove c’è un bacino forte di clienti. Consumatori che, però, sono abituati ad acquistare esclusivamente online.

Hong Kong
Il primo esperimento è partito da Hong Kong. I Gucci Pin richiamano gli spilli che vediamo sulle mappe di Google. Ed è alla rete e ai social che questa nuova impostazione dei temporary store guarda con attenzione. L’esperienza di acquisto sarà interattiva e utilizzerà gli strumenti della realtà aumentata. Non ci sarà solo la condivisione con e senza filtri su Instagram, Snapchat e altri social. Con le aperture pianificate da Gucci l’idea è di creare una mappa interattiva, fatta di Pin con la doppia GG.

Gucci Pin
Ogni Gucci Pin avrà una sua connotazione, legata ai luoghi che lo ospitano, ma soprattutto a cosa si vende al suo interno. Gift Giving 2019 è il nome scelto per Hong Kong e l’immagine coordinata richiama il motivo Flora. Altri Gucci Pin apriranno tra la fine di gennaio e marzo 2020. I Gucci Pin GG Psychedelic invece ruoteranno attorno agli articoli da viaggio, accessori e capi ready-to-wear caratterizzati dal motivo GG multicolore con stelle.

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati