Da Iran e Uzbekistan alla scoperta di ASSOMAC e della pelle

Da Iran e Uzbekistan alla scoperta di ASSOMAC e della pelle

L’iniziativa si chiama Italian Technology Award. Nasce nell’ambito di Federmacchine e Agenzia ITA-ICE. Da tre anni, coinvolge anche ASSOMAC (Associazione Nazionale Costruttori Tecnologie per Calzature, Pelletteria e Conceria). Obiettivo: divulgare l’eccellenza della tecnologia italiana. Come? Chiamando in causa e premiando alcuni studenti di università straniere. Quelli selezionati da ASSOMAC sono arrivati da Iran e Uzbekistan.

Il progetto e le visite
“Questo progetto – spiega Andrea Favazzi, responsabile Area tecnologica di ASSOMAC – premia gli studenti di università estere che si sono particolarmente distinti nell’elaborare tesi sui processi tecnologici. Dei 50 arrivati in Italia la scorsa settimana, quattro, dopo aver seguito una parte generale presso Università Cattolica, li abbiamo presi in carico noi di ASSOMAC. Li abbiamo condotti a scoprire l’eccellenza italiana, portandoli a visitare, come anche negli anni passati, LP Fashion Studio”.

Gli studenti
Gli studenti “arrivano da università – continua Favazzi – di Paesi ritenuti strategici da ogni associazione coinvolta da Federmacchine. Noi abbiamo scelto ragazzi che arrivano da Iran e Uzbekistan”. Nello specifico, due frequentano il Tashkent Insitute of Textile and Light Industry. E due provengono dall’Amirkabir University of Technology. “Accompagnati dai loro professori – conclude Favazzi – hanno preso consapevolezza del settore”. Una consapevolezza fondamentale per chi, “in futuro si troverà a fare scelte tecnologiche e di prodotto”.

Leggi anche:

 

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati