Australia, siccità e alluvioni mettono il Queensland in ginocchio: perso il 2% del patrimonio bovino

L’effetto congiunto della persistente siccità e delle improvvise alluvioni che hanno stravolto il Queensland impoverisce la zootecnia di Canberra. Lo ha spiegato Peter Rizzo, ceo di Australian Meat Processor Corporation, intervenendo alla Commissione Affari Regionali del Senato. “Dai report a nostra disposizione risulta che il patrimonio bovino è diminuito del 2% – sono le sue parole riprese da globalmeatnews.com –. Per noi l’impatto non è tanto forte nell’immediato, ma si avverte nel medio termine, cioè quando alle aziende servirà bestiame vivo o la progenie che sarebbe dovuta arrivare dagli esemplari che abbiamo perso”. Ci vuole ancora più tempo, dunque, per valutarne le conseguenze sulla filiera della pelle australiana, di suo già in appannamento (come vi raccontavamo nel numero 3 de La Conceria). Secondo il ceo di AMPC, nel prossimo anno le macellazioni arriveranno a quota 7,6 milioni di bovini: il risultato sarebbe in linea con i trend degli ultimi anni.

foto da Twitter

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati