Ahi, Ahi, Dr. Martens, che combini? Nella pagina dei materiali compare “Vegan Leather”: ma non esiste!

“Progettata per avere le stesse performance del vero materiale, ma senza usare alcun prodotto animale”. E no, caro Dr. Martens, non funziona così. Nel senso che non è lecito, né tanto meno corretto verso i consumatori, usare queste parole per descrivere il “Vegan Leather”: dovreste sapere, anche lì in Inghilterra, che se il prodotto non deriva proprio dalla lavorazione di spoglie animali, pelle non è e pelle non si può definire. Alla lista dei reprobi dell’etichettatura, dunque, si aggiunge anche il nome di Dr. Martens, brand britannico divenuto cult per i suoi stivaletti. Nella pagina del portale web in cui illustra tutti i materiali utilizzati per le tomaie (nappa, scamosciato, pieno fiore e via discorrendo), Dr. Martens ci infila il succitato “Vegan Leather”: un’acrobazia linguistica, purtroppo non nuova, di quelle che menano il cliente per il naso accostando al prestigio e alla qualità della pelle un prodotto che non ha nessuna delle due. A Dr. Martens, che oltretutto nelle schede tecniche dei singoli modelli sa usare le parole giuste (“materiale sintetico”), il vegan non porta fortuna: la scorsa estate ha dovuto ritirare una partita di calzature prodotte in Vietnam. Meglio che lasci perdere.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati