La crisi circolare di Varvatos: lo ricompra il suo proprietario?

La crisi circolare di Varvatos: lo ricompra il suo proprietario?

Definiamola una sorta di crisi circolare: o meglio, dall’esito circolare. Perché John Varvatos Enterprises potrebbe essere ricomprata dal suo socio di maggioranza: Lion Capital. Il fondo ha prima accontentato le richieste dei creditori. Poi, attraverso una società controllata, ha presentato la migliore offerta durante la vendita all’asta del marchio. È attesa per il 24 luglio la decisione del Tribunale.

Crisi circolare

La storia tra Varvatos e Lion Capital, suo proprietario dal 2012, è degna di un romanzo. Nel 2017, Varvatos ha cercato di vendere il suo business ad Authentic Brands Group, ma secondo il New York Post, la stessa Lion Capital (nel ruolo di socio di minoranza di Authentic Brands Group) avrebbe impedito l’accordo. Ai primi di maggio del 2020, John Varvatos ha presentato al Tribunale di Delaware la domanda per accedere alla protezione fallimentare Chapter 11. Il piano di ristrutturazione presentato prevede l’acquisizione del business da parte del socio di maggioranza, Lion Capital. L’operazione non è stata autorizzata dal Tribunale che ha preferito indire un’asta. E come è andata a finire?

 

 

L’indiscrezione

Nei giorni precedenti all’asta, scrive Bloomberg Law, il private equity Lion Capital ha raggiunto un accordo con i creditori non garantiti di Varvatos: a loro andranno 2 milioni di dollari rispetto ai 250.000 dollari previsti in precedenza. In cambio, i creditori non avrebbero ostacolato l’eventuale acquisizione del marchio da parte della stessa Lion. Il 22 luglio si è svolta l’asta e, in base a quanto riporta WWD, Lion, attraverso la sua affiliata Lion Hendrix Cayman ha presentato la migliore offerta (stimata in 97 milioni di dollari). In questo modo ha superato la concorrenza di WHP Global. Ora, se il Tribunale darà l’autorizzazione, Varvatos tornerà nelle stesse mani di chi l’ha condotta al fallimento. Secondo gli addetti ai lavori, Lion potrebbe rilanciare Varvatos sviluppando una sinergia con un’altra società che controlla e cioè AllSaints, rivenditore di moda britannico. (mv)

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati