Le cinque leggi europee che vogliono ridisegnare la moda

Le cinque leggi europee che vogliono ridisegnare la moda

La chiave è nella gestione dei dati, spiega dalle pagine del numero di maggio 2024 Claudio Delunas, CEO di Idee Partners. Perché, quando entreranno in vigore le cinque leggi europee che si accingono a ridisegnare i meccanismi del fashion system, il salto di qualità richiesto a brand e PMI sarà passare da “parametri e medie” “molto approssimative” a “dati primari reali ed effettivi”. Per arrivare a target precisi, insomma, servono sistemi informativi puntuali, che la filiera dovrà essere in grado di fornire. Per questo il titolo del nostro approfondimento sul tema è “La Sostenibilità dei Dati Primari”.

 

Le cinque leggi europee che vogliono ridisegnare la modaLe cinque leggi europee che vogliono ridisegnare la moda

 

Le cinque leggi europee all’orizzonte

La congiuntura sta mettendo sotto pressione il mercato e, di converso, anche l’ottimizzazione green delle pratiche delle imprese. Una parte del lavoro, per così dire, lo sta facendo il legislatore comunitario, che si ha definito i regolamenti ecodesign, supply chain act, CSRD e green claims. E il quinto? È il cosiddetto “deforestazione zero” (EUDR 2023/1115) per il quale, però, si conta che ne sia rimandata l’applicazione per evitare che il testo finisca per sabotare la filiera.

Clicca qui per leggere la versione integrale de “La Sostenibilità dei Dati Primari”

Qui per sfogliare il sommario del mensile “Una Certa Idea di Sostenibilità”

La Conceria è riservata agli abbonati: scopri le formule di sottoscrizione

 

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×