Numero 02

0

SCOPRI
I CONTENUTI
DELL’ULTIMO
NUMERO

Abbonati per visualizzare la rivista completa!

Se sei già abbonato, esegui il login adesso

scarica la versione demo

visualizza la versione demo

COVER STORY | DA LONDRA A FIRENZE
Un uomo nuovo
Dalle sfilate inglesi a Pitti Immagine, la moda maschile apre l’anno, conquista spazi di mercato e dimostra vitalità. Grande interesse per la pelle, declinata in modi inediti ed esclusivi. Difficile, però, fare previsioni concrete.
L’uomo cresce, la domanda no
Non è un paradosso: a Pitti il segmento maschile si dimostra vitale e conquista fette di mercato, però non riesce ad assorbire la grande offerta. Calzatura (soprattutto sneaker) e accessori per tutti.
Everyday now
Pelle per qualsiasi giorno e qualsiasi ora. Pitti presenta un uomo sempre più curato, che mixa stili (urban, sportivo, elegante), propone abbinamenti inediti ed è, anche nei minimi dettagli, leather addicted.
Niente mainstream, siamo inglesi
L’edizione maschile della London Fashion Week (a/i 17-18) si conferma stilisticamente “fuori dalle righe”, consacra le sfilate co-ed e continua a “benedire” la pelle.
GLI ALTRI SERVIZI
il pasticciaccio del Cites
Il governo unisce il Corpo Forestale ai Carabinieri e, ohibò, dimentica di indicare a chi spetti la responsabilità delle pelli esotiche. Risultato? Le imprese italiane non possono esportare rettili e pellicce. Roberto Scarpella, presidente AIP: “Situazione agghiacciante”.
Montebello è verde
La conceria vicentina investe 1,5 milioni di euro in fotovoltaico e cogenerazione. Obiettivi: risparmio energetico ed economico, minori emissioni atmosferiche. Ma anche far capire “la sensibilità dei conciatori verso l’inquinamento”.
Autogol indiano
Calano le previsioni per PIL e produttività. La concia perde ordini e ferma i bottali. Gli operai rimangono senza paga. I macelli non ricevono animali. Il sistema manifatturiero del nuovo gigante asiatico collassa in 2 mesi per una sola scelta governativa. Intanto in Bangkladesh il trasloco delle concerie a Savar va di male in peggio…
Concia a 4 ruote
5 domande a Andreas Kindermann, ceo della conceria austriaca Wollsdorf Leder. L’automotive corre? Sì, ma non è tutto oro ciò che luccica. Nei mercati emergenti si usa poca pelle premium. Il futuro? Sposare l’innovazione hi-tech.
Jbs ora è un modello
Incroci con gli elenchi governativi delle aziende sanzionate per disboscamento illegale e mappatura degli allevamenti dei fornitori. Anche i green riconoscono l’impegno del colosso della carne per l’Amazzonia. .
Incertezza al via
Si chiude in calo, si parte all’insegna dell’incertezza. La concia italiana, in base al riscontro di un sondaggio UNIC, mette in evidenza come, a una fine 2016 caratterizzata da cali di fatturato per il 37% del campione, nella prima metà del 2017 dovrebbe verificarsi una fase di tenuta.

Il caso della settimana – Il Pakistan e il lavoro
Numbers – The leather Atlas of the world (infografica)
Ipse dixit – la pelle? Solo per gente che osa
Pop Up – I love italian shoes
Yesterday is Here – Tratto da LaConceria del 12 gennaio 1946
Punto di domanda – Insoddisfatti di crescere
Aiuti di Stato – Dal Brasile all’Egitto
Tra le righe – L’Etiopia, la rivolta degli Oromo e il deludente bilancio di Pittards
Ricerca e dintorni – Ripulire i reflui dai coloranti: se usassimo i funghi?

 

 

 

 

 

 

 

Share.

Comments are closed.

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso