Numero 11

0

SCOPRI
I CONTENUTI
DELL’ULTIMO
NUMERO

Abbonati per visualizzare la rivista completa!

Se sei già abbonato, esegui il login adesso

scarica la versione demo

visualizza la versione demo

COVER STORY | IL FUTURO È ADESSO
RACCONTATECI IL VOSTRO PROGETTO, NOI LO RACCONTEREMO PER VOI
Call for 4.0
Per molte concerie è il presente su cui investire per conquistare il futuro. Per altre è una realtà già in atto. Perché la spinta all’innovazione del settore è costante. E va comunicata sempre di più.
La grande occasione
Macchine intelligenti, interattive, interconnesse, digitali, “che migliorano la competitività”. È suonata l’ora dell’industria 4.0. Conceria, calzatura, pelletteria come reagiscono? Super e iper ammortamento. La Sperimentale scende in campo.
Il tempo dei FabLab
L’Industria 4.0 è (anche) una questione formativa, rivolta a studenti e dipendenti che devono imparare a gestire l’innovazione. Il caso del Politecnico Calzaturiero di Vigonza. CNA Toscana: 12 milioni per la formazione.
GLI ALTRI SERVIZI
Eppur si muove
Positivo giro di fiere per la calzatura italiana. Obuv conferma che il ritorno di interesse russo è reale, “ma non per tutti”. Moda Made in Italy ribadisce la concretezza tedesca. Cauto ottimismo negli stand. Far East nel mirino (anche di Mipel).
La felice scoperta
L’hanno fatta Marina Marini, restauratrice, e suo figlio, Elia Corradini, laureando in fisica: iniziano a fare borse “per gioco”, diventano un brand di successo. Complice Lineapelle.
Importante, purché sia autentico
Felisi è un brand ferrarese di pelletteria di lusso. Produzione “nei 30 chilometri intorno alla sede”, pelle toscana e veneta. Che vuol dire proporre un prodotto al 100% italiano? Risponde Domenico Bertolani, direttore artistico.
C’era una volta il retail
C’è stata la crisi. Pesa la concorrenza dell’e-commerce. Non ci si può più permettere store poco redditizi. Bisogna abbattere i costi: quindi, tagli al personale. Sulle due sponde dell’atlantico, negli USA e in Europa, insegne storiche della grande distribuzione di tutti i segmenti di mercato sono in crisi nera. Perché il commercio ha cambiato forma. I casi Payless, Neiman Marcus, Vivarte, Brantano, JCPenney, Macy’s.
Il colosso della chimica conciaria
La divisione leather chemical di Basf passa a Stahl. Che ripaga con una quota del 16% delle sue azioni e un assegno da 150 milioni di euro. Nasce un big dal fatturato annuo di 850 milioni di euro. Lanxess osserva (e aumenta i prezzi).
Carne marcia
Un sistema corruttivo per aggirare i controlli ed eludere le tasse. 21 aziende brasiliane, inclusa JBS, coinvolte in un’inchiesta giudiziaria che rischia di mettere in ginocchio l’intera filiera. UE e Ccina chiudono all’export. Incognita sui macelli. Opportunità argentina.
70 anni di Motta Pelli
La conceria monzese taglia il traguardo della “terza ripartenza”. “viviamo di ricerca, qualità e personalizzazioni”. Target: la nicchia top dell’abbigliamento, che apprezza.
Tod’s soffre, ma ride in borsa, Ferragamo no
Fatturato in calo per Tod’s: il titolo vola. Fatturato in leggero rialzo per Ferragamo: il titolo scivola. Perché? Semplice. La Borsa valuta le prospettive future. Quindi: è soddisfatta dal piano strategico enunciato da Diego Della Valle, mentre prevede difficoltà per la maison fiorentina..

Il caso della settimana – L’impresa e l’innovazione
Numbers – La lunga marcia degli interni in pelle
(infografica)
Ipse dixit – L’Italia? È la nostra seconda casa
Pop Up – La Bella e la Bestia. E le scarpe
Yesterday is Here – Tratto da LaConceria del marzo 1894
Punto di domanda – Per una vacca?
100 anni di museo – Offenbach celebra la pelle
Tra le righe – Pechino piange: doccia fredda sulla scarpa, crolla la pelliccia
Ricerca e dintorni – Pelle e biocidi: considerazioni per l’uso
La situazione e le quotazioni in Italia e nel mondo

 

 

 

 

 

 

 

Share.

Comments are closed.

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso