Covid-19 non risparmia la scarpa vietnamita: -6,7% nel semestre

Covid-19 did not spare Vietnamese footwear: -6.7% in the half-year period

Covid-19 non risparmia il Vietnam. Nel primo semestre del 2020 l’export di scarpe di Hanoi è sceso del 6,7%, quello di pelletteria del 15,1% rispetto all’analogo periodo 2019. Il Vietnam è il terzo produttore calzaturiero al mondo (quota di produzione sul totale globale: 5,4%) e il secondo esportatore al mondo dietro la Cina.

Covid-19 non risparmia il Vietnam

Il Vietnam ha beneficiato del reshoring dalla Cina avviato dai grandi committenti occidentali (americani, soprattutto). Ma nulla ha potuto contro la pandemia e il lockdown commerciale globale che ha innescato. Secondo quanto riporta xinhuanet.com (che cita il Ministero dell’Industria e del Commercio vietnamita), tra gennaio e giugno 2020 il Paese asiatico ha incassato oltre 8,1 miliardi di dollari dall’export di calzature. In altre parole: ha perso il 6,7%. Nello stesso semestre, ha venduto all’estero accessori di pelletteria per un valore superiore a 1,5 miliardi di dollari: -15,1%.

 

 

Due mesi terribili (maggio e giugno)

Relativamente alle calzature, a far piombare in terreno negativo l’export semestrale è stato l’andamento (terribile) di maggio e giugno. Infatti, tra gennaio e aprile, scrive xinhuanet.com, l’export di scarpe vietnamita era cresciuto dell’1,3%. (mv)

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati