Niente da fare, si chiude: gli inglesi di Clarks confermano l’addio alla fabbrica di Somerset, 35 i licenziamenti

Clarks conferma la chiusura della fabbrica di Somerset, due anni dopo averla aperta. La decisione porta a 35 licenziamenti, mentre altri 10 dipendenti sono stati ricollocati all’interno della società che pochi giorni fa ha nominato l’ex Geox Giorgio Presca come nuovo ceo. La notizia della conferma arriva dopo che Clarks aveva rivelato a gennaio di aver avviato una procedura di consultazione di 30 giorni con i dipendenti perché la fabbrica non riusciva a raggiungere gli obiettivi di produzione e costi. “Nonostante i nostri sforzi, i livelli di produzione e gli obiettivi di costo non potevano essere raggiunti a breve-medio termine e, dopo un periodo di consultazione, la proposta è stata accettata e la fabbrica si chiuderà” si legge in un comunicato pubblicato su Retail Gazette. “Abbiamo un forte dovere di attenzione verso tutti i nostri dipendenti e li abbiamo supportati attraverso questo processo, offrendo aiuto per il ricollocamento e identificando ruoli alternativi all’interno di Clarks”. La sede principale del brand resterà comunque a Somerset. (mv)
Immagini tratte da theiconic.com.au.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati