LVMH entra nel capitale di Masoni

LVMH entra nel capitale (e nel CdA) di Masoni Industria Conciaria

Una nuova operazione finanziaria coinvolge la conceria italiana e il lusso d’alta gamma francese. LVMH entra nel capitale di Masoni Industria Conciaria. LVMH Métiers d’Art, infatti, ha acquisito una quota di minoranza della conceria di Santa Croce sull’Arno. La firma dell’accrodo è arrivata giovedì 19 dicembre. E segna l’ennesima partnership di una holding dell’alta moda nella filiera di approvvigionamento della pelle italiana.

L’operazione
“Con questa operazione – si legge in una nota ufficiale – LVMH Métiers d’Art si impegna a supportare e a garantire investimenti a lungo termine alla conceria Masoni”. Un impegno che si basa sull’intento “di consolidare la creatività e l’innovazione artigiana, la forza imprenditoriale e lo sviluppo a livello internazionale”. Il gruppo guidato da Bernard Arnault attua quindi con i fornitori “una strategia di sviluppo sostenibile globale in modo da poter garantire l’accesso a materie prime di qualità alle sue maison”.

Ampliamento in vista
LVMH entra nel capitale di Masoni con un accordo che prevede la possibilità di un  ampliamento dei livelli occupazionali. “L’intento del fondatore della società, Fabrizio Masoni – fanno sapere dalla conceria toscana -, è dare vita a una partnership costruttiva con un socio a cui è legato da grande stima reciproca da tempo”. Masoni continuerà a gestire l’azienda in qualità di presidente del CdA e amministratore delegato. Il board della conceria sarà composto da Marco Pessi, Federica Martini e due rappresentanti di LVMH Métiers d’Art.

Nella foto, Fabrizio Masoni e Hugues Pichon (LVMH Métiers d’Art)

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati