Il Marchio Storico di Interesse Nazionale per difendere le PMI

Il Marchio Storico di Interesse Nazionale per difendere le PMI

Si chiama Marchio Storico d’Interesse Nazionale ed è stato istituito con il decreto firmato dal ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli. Obiettivo del marchio, che ha per logo lo stivale, è quello di fornire alle imprese un nuovo strumento di tutela e di competizione.

Il programma

Per presentare tutto il programma a sostegno della proprietà industriale, varato dal governo e attuato con Unioncamere, è stata scelta la sede milanese della Camera di Commercio di Milano, Monza – Brianza  e Lodi. Il pacchetto prevede lo stanziamento di 50 milioni di euro rivolto alle imprese di dimensioni ridotte che investono in immagine e know how.

Sangalli: la strategia vincente di marchi e brevetti

Il presidente di Unioncamere Giulio Sangalli ha ricordato l’importanza strategica per le imprese degli investimenti per la tutela dei brevetti e dei marchi: “Portano a diventare più competitivi e a fare innovazione. Brevetti, marchi e disegni sono una parte sempre più rilevante del valore dell’economia”. Sangalli ha citato uno studio che dimostra come “le imprese che brevettano hanno il 21% in più di possibilità di aumentare il fatturato e come un posto di lavoro su 3 si trovi in aziende che fanno uso intensivo di marchi e brevetti”.

La tutela della proprietà come strumento di difesa

L’Italia è seconda alla Germania per numero di marchi e disegni in UE e quarta nel mondo. Per numero di brevetti, invece, è decima a livello internazionale. Per Sangalli il marchio è uno degli strumenti più vantaggiosi “per le sfide epocali di innovazione e sostenibilità, strettamente interconnesse e che prevedono l’adozione di tecnologia digitale”. Ma il Marchio Storico di Interesse Nazionale ha anche un valore protettivo, è uno strumento di difesa dai fake. “Nessuno può nascondere il rallentamento globale dell’economia né i venti di guerra – ha aggiunto il viceministro allo Sviluppo Economico, Stefano Buffagni –. Eppure le nuove misure che tutelano le aziende contribuiranno anche a garantire attrazione verso l’Italia da parte degli headquarters di molte multinazionali”. (ac)

Immagine da MISE

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati