TheOneMilano cerca l’inverno tutto l’anno (e annuncia grandi news)

TheOneMilano cerca l’inverno tutto l’anno (e annuncia grandi news)

L’appuntamento per la settima edizione di TheOneMilano è a Fieramilano City dal 20 al 23 febbraio. Il salone della pellicceria e del prêt-à-porter ospita oltre 300 brand e attende circa 10.000 buyer: i 6.000 pre-accrediti rendono gli organizzatori fiduciosi. “It’s always winter somewhere”, recita il claim. TheOneMilano cerca l’inverno tutto l’anno, perché “il mondo odierno è più piccolo è connesso”, spiega Elena Salvaneschi, CEO della manifestazione, durante la conferenza stampa di presentazione  tenutasi stamattina presso lo Spazio Lineapelle di Palazzo Gorani (in foto). Le opportunità ci sono, dunque, “e per questo è importante lavorare bene, sulla qualità”. Come sta facendo la fiera, d’altronde, che per settembre annuncia grandi novità: TheOneMilano non solo torna a Fieramilano Rho, ma unisce le forze con Micam e Mipel.

Il valore della sinergia

“Per noi è fondamentale la sinergia – commenta Fulvia Bacchi, direttore generale di UNIC – Concerie Italiane e CEO di Lineapelle –, sulla sostenibilità, sulla ricerca, sull’innovazione e sulla certificazione. Come associazione di imprese e come ente fieristico è importante collaborare con i partner raccolti in Confindustria Moda per valorizzare la filiera e il made in Italy”. “La verità è che tanti parlano di sinergia, ma solo noi la mettiamo in pratica – aggiunge Tommaso Cancellara, amministratore delegato di Micam –. La collaborazione sulle fiere, preziosa per i buyer che cercano total look, ne è una dimostrazione”.

TheOneMilano cerca l’inverno tutto l’anno

“Abbiamo voglia di far e di far sentire la nostra voce – afferma Norberto Albertalli, presidente di TheOneMilano –. I nostri espositori sono proiettati al futuro, ma attualmente lavorano in un contesto di preoccupazione”. Non mancano le ragioni per essere preoccupati: non da ultimo un inverno mite a rallentare le vendite. Ma anche “la questione del chip in Russia, i dazi che massacrano il commercio internazionale, Brexit – continua Albertalli –. Non ci voleva, poi, il Coronavirus: la Cina è un mercato importante e i tempi di ripresa potrebbero essere lunghi”. L’appuntamento di febbraio è un’occasione per cercare nuovi stimoli. “Grazie all’agenzia ITA e al Ministero per gli Affari Esteri – conclude – ospitiamo delegazioni da USA, Corea, Russia, Giappone, Kazakistan e Azerbaijan”.

 

 

Spazi e progetti

TheOneMilano lavora anche per rinnovarsi e per coinvolgere i visitatori in maniera nuova. L’archistar Italo Rota e la scenografa Margherita Palli hanno tradotto in termini fisici il concept “It’s always winter somewhere”. Con Confartigianato Moda, invece, sono stati allestiti i tableau vivant di “Making of, storie di produzione”: dimostrazioni pratiche dei mestieri del fashion (il calzolaio, il pellettiere, il tessitore) per dimostrare ai buyer le radici del made in Italy.

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati