AIP, ricambio ai vertici: Roberto Tadini è il nuovo presidente

AIP, ricambio ai vertici: Roberto Tadini è il nuovo presidente

Roberto Tadini è il nuovo presidente di AIP. L’assemblea dell’Associazione Italiana Pellicceria lo ha eletto al posto di Roberto Scarpella, che ha guidato l’associazione dal 7 luglio del 2011 e che da ora ricoprirà il ruolo di presidente onorario. L’assemblea, riunitasi il 3 novembre in streaming, ha eletto anche il Consiglio Direttivo, l’Organo di Controllo e i Probiviri. Tutte le cariche hanno per Statuto validità di 5 anni. Rinnovo nel segno della continuità per TheOneMilano.

Tadini è il nuovo presidente

Bergamasco di Caravaggio, classe 1969, Tadini (nella foto a destra) lavora in conceria M.I.B. Manifattura Italiana del Brembo dal 1999. Il manager vanta già una ricca esperienza associativa. Nel 2014 è eletto presidente di Associazione Italiana Pellicceria Regione Lombardia e vicepresidente della sigla nazionale. Nello stesso anno anno è nominato anche consigliere di Mifur. Nel 2016 diventa presidente di IFDDA (International Fur Dressers’ and Dyers’ Association), mentre nel 2017 consigliere di Fur Europe. Ricopre ancora oggi entrambe le cariche.

Il commento

Sono onorato e orgoglioso per il voto unanime dell’assemblea di AIP – è il commento affidato da Tadini a una nota –. Si tratta di un compito impegnativo, perché non è semplice succedere a Scarpella, che ha guidato AIP con un programma volto a non isolare la categoria, accreditandola sempre di più a livello istituzionale in un dialogo costante con il mondo della moda. La responsabilità legata ai 6 anni passati come vicepresidente di AIP mi ha consentito di familiarizzare con gli obiettivi associativi e di collaborare a costruire il percorso creato dalla presidenza uscente. Le sfide di questo complesso momento sono molte e prometto tutto il mio impegno per accettarle e possibilmente vincerle. Insieme”.

 

 

TheOneMilano

A proposito di Scarpella, è toccato a lui nominare, come ultimo atto della carica, il CdA di TheOneMilano, il salone dell’haut-à-porter milanese. Delle 7 poltrone dirigenziali, 4 sono scelte nel segno della continuità con il passato: il presidente Norberto Albertalli (nella foto a sinistra), l’amministratore delegato Elena Salvaneschi, Cesare Gavazzi e lo stesso Roberto Tadini. Ci sono, poi, due volti nuovi, Umberto Roncarati e Giorgio Guida, in sostituzione di Paolo Manetti e di Antonio Olivieri. La settima poltrona rimane a Scarpella, come ha voluto il CdA all’unanimità, per dargli concreta testimonianza dell’impegno e del valore messo in campo in tanti anni di prima linea.

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati