Il “grande potenziale” di Dior incanta Lecce con la sua Cruise

Il “grande potenziale” di Dior incanta Lecce con la sua Cruise

Un ritorno alle radici. L’espressione di una creativa e di una griffe, Dior, che, dicono gli analisti, ha trovato il modo di reagire alla pandemia. Subendone meno le conseguenze. Anche se, come ha dichiarato a WWD il suo CEO, Pietro Beccari, “odio confrontare Dior con altre società. Stiamo cercando di fare il nostro lavoro e di farlo al meglio. Pensiamo che Dior abbia un grande potenziale. Come marchio, penso che lo stiamo dimostrando”. Dior, ieri sera (22 luglio 2020) ha messo in scena un’attesissima Cruise Collection nella terra d’origine della sua direttrice creativa, Maria Grazia Chiuri: in Puglia, a Lecce, in Piazza Duomo.

Un grande potenziale

“Se siamo qui, se stiamo investendo nel futuro, è perché tutti noi, LVMH in primis (che possiede Dior e comunicherà il bilancio semestrale il 27 luglio 2020), crediamo nel marchio e nel suo potenziale”, continua Beccari su WWD. “Siamo abbastanza ottimisti per fare investimenti, perché sentiamo che la desiderabilità del marchio è molto forte”. Investimenti che vanno in una sorta di controtendenza rispetto alle altre griffe, per esempio tenendo alta l’attenzione per eventi come quello di ieri a Lecce. Una sfilata fisica, anche se a porte chiuse. Ma condivisa su tutti i canali digitali e social della griffe (e non solo).

 

 

La Cruise di Lecce

Intersecandosi alla perfezione con la danza cadenzata, ma anche triste, della Taranta, le 45 modelle Dior hanno indossato abiti creati anche con i tessuti salentini della Fondazione Le Costantine. Maria Grazi Chiuri propone 90 look in 27 minuti di show in una piazza del Duomo di Lecce vestita con i colori delle luminarie tipiche delle feste patronali pugliesi.  Mixa pantaloni ampi e giacche che disegnano la silhouette. Ricami al tombolo e gonne impalpabili abbinate a bustini di cuoio, cinturoni in pelle, stivali e sandali flat. E, naturalmente, non dimentica gli accessori. Per esempio, la Saddle Bag o la Lady Dior.

Rivoluzione quotidiana

La donna immaginata da Maria Grazia Chiuri per questa Cruise 2021 lotta ogni giorno, ha una voce e si esprime anche con il suo stile, consapevole della sua forza e della sua bellezza. E della necessità di creare rivoluzioni continue e quotidiane, non solo nelle scelte della moda. Non a caso, la stilista di Dior lo ha voluto ribadire a chiare lettere sulle luminarie che hanno creato una quinta prospettica speciale per la Cruise 2021: On peut souvent créer des révolution sans les avoir cherchées.

Immagini tratte da dior.com

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati