Irregolarità a Savar? Sotto accusa i lavori per il CEPT bengalese

Irregolarità a Savar? Sotto accusa i lavori per il CEPT bengalese

Irregolarità a Savar? Bangladesh Small and Cottage Industries Corporation ha avviato un’indagine sui lavori di costruzione del CEPT a Savar. I quotidiani locali riportano che agli uffici dell’associazione, assimilabile alla Camera di Commercio, sarebbero giunte varie denunce per presunte irregolarità. Sotto accusa, in particolare, l’attività svolta dalla joint venture JLEPCL-DLC. Si tratta del contractor cinese che ha vinto la gara d’appalto per la costruzione del CEPT.

Materiali non conformi
Le segnalazioni di irregolarità a Savar sarebbero giunte da vari addetti ai lavori. Alcuni farebbero parte del gruppo che, lo scorso aprile, si era fatto avanti per completare la costruzione e gestire l’impianto. Il passo in avanti era stato compiuto per necessità. In altre parole, le aziende di Savar attendevano la messa in funzione del CETP da mesi, ma i lavori attendono ancora la loro conclusione. Le segnalazioni riguardano l’utilizzo di materiale non conforme al contratto stipulato tra le parti. Per esempio, il contractor cinese starebbe installando tubi del diametro di 18 pollici anziché da 38, come stabilito. “Dobbiamo verificare l’attendibilità delle segnalazioni” è il commento rilasciato dal sottosegretario al Ministero delle Industrie, Abdul Halim.

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati