Gabbrielli (Assopellettieri): “Ripensare il consumo, ripensarlo italiano”

Franco Gabbrielli: “Ripensare il consumo, ripensarlo italiano”

Le società tenderanno a ripensarsi. Sarebbe occasione che lo facesse anche il sistema dei consumi”. Secondo Franco Gabbrielli, fondatore di Gabs e presidente Assopellettieri, le conseguenze della pandemia sono strettamente legate alla sua durata. E determineranno stravolgimenti in ogni ambito della vita sociale e a ogni livelli della supply chain.

Come Cambieremo

Il numero 4 del mensile La Conceria  ha deciso di raccontare un periodo speciale, come quello della pandemia da Covid-19 e del lockdown, con un numero speciale. Quando sugli equilibri che raggiungerà il mondo una volta superata l’emergenza ci si deve ancora fermare al campo delle ipotesi, abbiamo deciso di interrogare i protagonisti del fashion business per scoprire la loro visioneAl dibattito partecipano conciatori, calzaturieri, pellettieri, analisti, designer e studiosi.

Ripensare il consumo, ripensarlo italiano

Secondo Franco Gabbrielli, “Alcuni grandi brand che ora producono solo in Cina ridistribuiranno le quote in più Paesi per assorbire i rischi. Bene, è un’opportunità. Ma sarebbe il caso che i consumatori italiani cambiassero l’attitudine all’acquisto, come già fatto nel food, prediligendo il made in Italy, pur se più caro”. E questo “potrebbe accorciare davvero tutta la supply chain”.

Per leggere l’intervento completo di Franco Gabbrielli clicca qui

Se non sei abbonato, qui puoi scoprire tutte le formule di sottoscrizione

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati