Milano, Armani batte Prada e Tod’s: suo lo store in Galleria

Milano, Armani batte Prada e Tod’s: suo lo store in Galleria

Giorgio Armani Retail batte Prada e Tod’s e si aggiudica lo store in Galleria Vittorio Emanuele (dove ora ha sede TIM). La griffe di Re Giorgio ha vinto l’asta all’incanto (cioè con offerta pubblica e tempi di 3 minuti per il rilancio) con la proposta di 1,9 milioni di euro all’anno di canone. Il notaio, invece, non ha ammesso Damiani alla partecipazione.

La boutique
Ci sono voluti 24 rilanci per arrivare alla soluzione dell’asta (base da 670.000 euro). Come riporta MFF, la boutique vanta una superficie di 302 metri quadri. Ora Armani l’avrà in concessione dal Comune di Milano per 18 anni. La stessa griffe ha giù uno store in Galleria, con contratto in scadenza nel 2020.

The Place to be
Non fa più notizia l’attenzione delle griffe del lusso per gli spazi commerciali in Galleria Vittorio Emanuele: da quando l’amministrazione del capoluogo lombardo ha deciso di farne il teatro dell’alto di gamma, ci sono state anche aste finite con ricorsi e controricorsi. Ha fatto scalpore, invece, leggere a metà ottobre su Il Giorno che molte delle griffe presenti (ma i cattivi pagatori non sono solo le aziende della moda) non sono puntuali nei pagamenti: Palazzo Marino incassa dai canoni 36 milioni annui, ma la morosità al momento è di circa 18,8 milioni complessivi.

Immagine da Google Maps

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati