Badon (Assocalzaturifici): “Nuovi ritmi, di lavoro e di vita”

Badon (Assocalzaturifici): “Nuovi ritmi, di lavoro e di vita”

È difficile immaginare cosa significherà vivere nel mondo dopo Covid-19”. L’interrogativo di partenza di Siro Badon, titolare del calzaturificio De Robert e presidente Assocalzaturifici, è quello su cui si basa tutta la sua riflessione sul post-Covid che, in un modo parziale, progressivo e pieno di incertezze, abbiamo iniziato ad affrontare. Un interrogativo associato alla consapevolezza che cambierà molto, soprattutto nelle modalità di lavoro e di vita.

Come Cambieremo

Il numero di aprile del mensile La Conceria ha deciso di raccontare un periodo speciale, come quello della pandemia da Covid-19 e del lockdown, con un numero speciale. Quando sugli equilibri che raggiungerà il mondo una volta superata l’emergenza ci si deve ancora fermare al campo delle ipotesi, abbiamo deciso di interrogare i protagonisti del fashion business per scoprire la loro visioneAl dibattito partecipano conciatori, calzaturieri, pellettieri, analisti, designer e studiosi.

Nuovi ritmi, di lavoro e di vita

Credo che nessuno, oggi, si renda conto della portata di ciò che sta accadendo. Quando ne usciremo, il mondo sarà completamente diverso. Saranno cambiati i ritmi, sia di lavoro che di vita”. Vivere in un mondo post-Covid, dice Badon “significherà chiederci quante aziende saranno rimaste. Poi, penso al lato commerciale e mi domando quanti negozi riusciranno ad aprire, con quanti dipendenti?”.

Per leggere l’intervento completo di Siro Badon clicca qui

Se non sei abbonato, qui puoi scoprire tutte le formule di sottoscrizione

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati