Milano Moda Graduate incorona l’idea di pelle di Alberto Cornolò

Milano Moda Graduate incorona l’idea di pelle di Antonio Cornolò

Alla scoperta dei giovani talenti della moda a Milano Moda Graduate, evento dedicato da Milano Fashion Week alle scuole di moda italiane. I progetti che hanno partecipato alla sesta edizione del contest hanno portato alla vittoria Alberto Cornolò, Giulia Barbieri e Lucia Grande.

I premiati

A stupire la giuria di esperti, vincendo il premio Vogue Talents, è stato Alberto Cornolò, studente dell’Università IUAV di Venezia che nel 2019 aveva partecipato a un progetto formativo in collaborazione con Lineapelle. Non solo: aveva esposto le sue creazioni a Fieramilano Rho, durante Lineapelle97 (ottobre 2019). Nella categoria Fashion Design (CNMI) ha vinto Giulia Barbieri dell’Istituto Modartech di Pontedera (Pisa).

 

 

Alberto Cornolò

Alberto Cornolò ha vinto con una collezione che si chiama Selvadego. Si basa sull’utilizzo della pelle (fornita dalla Conceria Montebello) ed esprime “l’istinto animale primitivo dell’uomo”. In altre parole, “l’impulso sessuale più primordiale: la necessità di provare piacere”. Il designer ha, quindi, ideato abiti e accessori ispirandosi alla natura nella sua accezione più intima e cruda, attraverso forme falliche e pellami utilizzati per trench o slip maschili. Cornolò sarà protagonista di uno speciale servizio pubblicato prossimamente su Vogue.

Premio YKK Italia

Lucia Grande, studentessa della NABA (Nuova Accademia di belle Arti) di Roma ha vinto il premio YKK Italia, main partner di Milano Moda Graduate, ricevendo una somma di denaro, da investire nel proprio futuro lavorativo, e la fornitura di un anno di loro prodotti.

Nelle foto (tratte da Instagram), da sinistra: la consegna del premio CNMI a Giulia Barbieri, un capo di Alberto Cornolò e il momento della sua premiazione

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati